La storia di Mediaset ha radici profonde: inizia in Italia alla fine degli anni '70 da una Tv locale via cavo di nome Telemilano costituita da un privato all'interno di un nuovo insediamento edilizio alle porte di Milano.
Nel 1980, si trasforma in Canale 5 e grazie a una nuova legge inizia le trasmissioni su tutto il territorio nazionale, cosa fino a quel momento vietata in Italia.
Si tratta di una grande novità per i telespettatori italiani perché fin a quel momento l'unica televisione nazionale era la Rai, ente pubblico che esercitava il monopolio televisivo con tre canali.
Per potersi confrontare ad armi pari con la tv di servizio pubblico, anche il nuovo editore televisivo privato costruisce un polo a tre reti: a Canale 5 si affiancano Italia 1 (acquisita dall'editore Rusconi nel 1982) e Retequattro (acquisita dall'Arnoldo Mondadori Editore nel 1984).
Il nuovo polo televisivo viene denominato Rti (Reti televisive italiane) e viene affiancato da una concessionaria pubblicitaria esclusiva denominata Publitalia '80 e da due ulteriori società: Videotime, che esercita tutta l'attività tecnologica e di produzione Tv, ed Elettronica Industriale che garantisce la diffusione del segnale televisivo attraverso la gestione della rete di trasmissione.
Il controllo azionario di RtiPublitalia, Videotime ed Elettronica Industriale viene affidato a una nuova società, Mediaset.

2020

2020

  • ll 23 aprile il Gruppo Mediaset, con un nuovo investimento, si assicura il 24,9% dei diritti di voto di ProSiebenSat.1 Media escluse le azioni proprie, diventando primo azionista del broadcaster tedesco.
  • Il 5 agosto, al termine di un lungo contenzioso legale, il Cda di Mediaset ritira il progetto di fusione transfrontaliera MFE MEDIAFOREUROPE
  • Seguendo il piano di dismissione delle attività non strategiche, in ottobre Mediaset cede a Ortigia Investimenti la società Mediashopping, attiva nel settore delle vendite multicanale a distanza di prodotti e di consumo.
2019

2019

  • Il 30 maggio viene comunicato l’acquisto del 9,6% del capitale sociale di ProSiebenSat.1 Media, corrispondente a diritti di voto fino al 9,9%. Un ingresso amichevole nell’azionariato che consolida rapporti già proficui e operativi: Mediaset Italia e Mediaset España erano già da tempo alleate con ProSiebenSat.1 in European Media Alliance (Ema), un’intesa che mira a sviluppare economie di scala indispensabili per il futuro della tv europea.
  • Il 7 giugno i Consigli di amministrazione di Mediaset Italia e Mediaset España approvano la fusione in una nuova grande holding internazionale: MFE, Media For Europe.
  • Il 4 settembre le assemblee degli azionisti di Mediaset Italia e di Mediaset España votano a favore della fusione transfrontaliera.
2018

2018

  • Lancio di due nuovi canali tv free "Focus" e "20" che portano l'ascolto di Mediaset nell'area reti tematiche gratuite al 7,0% di share in prima serata.
  • Acquisizione e trasmissione in esclusiva il Campionato Mondiale di Calcio Russia 2018 sia in Italia sia in Spagna. Per la prima volta in Italia, Mediaset ha offerto ai telespettatori tutti i match in diretta. E oltretutto in visione gratuita. Non era mai successo.
  • Lancio della nuova piattaforma online Mediaset Play. Dal 2018, tutti i contenuti della tv Mediaset sono accessibili gratuitamente via web su Mediaset Play, un'unica destinazione che consente di vedere i programmi sia in modalità live che on demand, sia da schermo televisivo che da pc e dispositivi mobili.
  • Cessata l’attività distributiva di pay tv, Mediaset mantiene il ruolo di editore di canali a pagamento Premium disponibili su tutte le piattaforme di distribuzione.
2017

2017

  • Mediaset acquisisce una partecipazione del 5,5% in Studio 71, il principale Multichannel Network in Europa - e tra i primi cinque al mondo - controllato dal gruppo tedesco ProSiebenSat.1Media. Viene costituita anche la joint venture "Studio 71 Italia" di cui Mediaset è azionista al 49% attraverso la quale è gestito l’attività italian di Studio 71.
  • Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset approva il Piano Mediaset 2020, ovvero le linee guida di sviluppo e i target economico-finanziari 2017-2020.
  • Mediaset acquisisce il 100% del canale tv gratuito Retecapri associato a LCN 20, Retecapri +1 (LCN 120), Retecapri HD (LCN 121).
  • Publitalia 80 e Publiespana costituiscono con TF1 (Francia) e ProsiebenSat1 (Germania) AdTech Ventures che partecipa al 33% la joint venture European Broadcaster Exchange (EBX) attiva nelle campagne video programmatic di pubblicità digitale.
  • Cresce al 51,63% la partecipazione di Mediaset in Mediaset España per effetto di acquisti di azioni proprie.
2016

2016

Mediaset e il gruppo francese Vivendi sottoscrivono un contratto vincolante per un'alleanza strategica con cui Mediaset diventa titolare del 3,5% del capitale di Vivendi mentre quest'ultima acquisisce il 100% della pay tv Mediaset Premium e il 3,5% del capitale di Mediaset.
Alla vigilia del closing (il 25 luglio 2016) Vivendi comunica l'intenzione di non voler dare esecuzione agli impegni assunti. Inizia un contenzioso legale ancora in corso. Sempre nel 2016, Mediaset costituisce il polo radiofonico leader in Italia per ascolti e raccolta pubblicitaria. La nuova società ha nome "RadioMediaset" e riunisce le emittenti R101, Radio 105, Virgin Radio a cui in seguito si aggiungeranno Radio Subasio e Radio MonteCarlo.
2013

2013

Il Gruppo Mediaset lancia Infinity, il primo servizio OTT italiano che offre agli abbonati la possibilità di accedere in streaming a un catalogo di più di 6.000 titoli tra film, serie tv, fiction e show televisivi.
2011

2011

  • Inizia le trasmissioni Mediaset Italia 2, nuova rete gratuita del Digitale Terrestre: telefilm, film, documentari, cartoon, sport, intrattenimento selezionati per un pubblico giovane, principalmente maschile.
  • Viene lanciato Cartoonito, rete digitale terrestre gratuita per bambini in età prescolare (fino ai 6 anni). Cartoonito, frutto come Boing di una joint-venture Mediaset-Turner Broadcasting System Europe Limited, allarga l'offerta gratuita di Mediaset per la fascia bambini e ragazzi.
  • TgCom24 diventa anche un canale all news in chiaro in diretta sul canale 51 del digitale terrestre e sul satellite al canale 24.
2010

2010

  • Debutta online www.video.mediaset.it, servizio di catch up tv che permette di rivedere on demand programmi televisivi Mediaset trasmessi nei giorni precedenti.
  • Nasce la nuova testata NewsMediaset: un’autentica agenzia informativa interna che fornisce immagini, notizie e servizi a tutte le strutture informative Mediaset.
  • Lancio di La5, nuova rete gratuita con contenuti dedicati principalmente al pubblico femminile, e Mediaset Extra, canale tematico gratuito dedicato alla ritrasmissione del meglio dei programmi di intrattenimento di ieri e di oggi delle reti Mediaset.
2009

2009

In Spagna, Mediaset S.p.A., Gestevision Telecinco S.A. e Promotora de Informaciones S.A. (Gruppo Prisa) annunciano l'acquisizione da parte di Telecinco di una nuova società che include il ramo d'azienda di Cuatro (rete televisiva spagnola in chiaro di Sogecable S.A,) e della quota di partecipazione del 22% in Digital Plus. Il Gruppo Mediaset raggiunge così le dimensioni di primo operatore televisivo in Spagna.
2008

2008

Acquisizione di Taodue, azienda leader in Italia nella fiction di qualità.

2007

2007

Mediaset acquisisce Medusa, la principale società di produzione e distribuzione cinematografica italia e lancia un nuovo canale gratuito in digitale terrestre: Iris, rete del grande cinema d'autore, della musica, della letteratura e del teatro.
2004

2004

Debutta in Italia il digitale terrestre, che permette di trasmettere molti più canali rispetto al sistema analogico. Mediaset esordisce lanciando Boing, una rete interamente destinata ai bambini, e Mediashopping, un canale di televendite garantite.

2003

2003

Mediaset aumenta la propria partecipazione in Telecinco e ne diventa azionista di riferimento con il 50,1% di azioni. L'anno successivo la Tv spagnola viene quotata alla Borsa di Madrid.

1999

1999

Il Gruppo allarga la sua attività al mondo web con Mediaset.it (portale televisivo dedicato a Canale 5Italia 1Retequattro) e Mediaset Online (dal 2001 TgCom24), quotidiano d'informazione on line.

1997

1996

Inizia l'espansione all'estero con l'acquisizione di una partecipazione del 25% dell'emittente privata spagnola Telecinco.

1996

1996

Mediaset viene quotata alla Borsa di Milano, aprendo l'azionariato a importanti investitori istituzionali e a piccoli azionisti (circa 300.000).